MCP Conseil
Il blog per raggiungere l'indipendenza energetica

Come abbattere l’aumento dei costi energetici

Ridurre il consumo di qualcosa di fondamentale come l’energia elettrica sembra impossibile. Tutti sappiamo però come le bollette «della luce» non presentino degli importi trascurabili: secondo l’Autorità per l’Energia elettrica e il gas, una famiglia composta da 3-4 persone consuma in media 2700 kw/h all’anno, che si riflette sul costo di circa 500€ (per il 2016).

Oltretutto, come riporta La Repubblica, il trend è in rialzo dal 2011, anche a causa dell’aumento dei costi di approvvigionamento e nonostante le fluttuazioni date dalla stagionalità.

Ecco perché abbiamo pensato di fornire qualche consiglio per limitare la spesa per l’energia elettrica e combattere così il rincaro in bolletta.

Tutti i comportamenti da adottare per spendere meno

Probabilmente non ci hai mai fatto caso, oppure hai pensato che non fosse così importante, invece in una casa i comportamenti corretti fanno la differenza. Ecco qualche buona pratica da ricordare:

  1. Sostituire le lampadine a incandescenza con quelle a basso consumo: durano dieci volte di più e consumano 1/5 in meno.
  2. Scegli elettrodomestici di classe A e fai attenzione a dove li posizioni: non mettere il frigorifero vicino al forno o lavastoviglie e posiziona tutto ciò che produce calore distanziato di almeno 10 cm dal muro
  3. Quando non le utilizzi, non lasciare apparecchiature elettroniche (TV, lettori DVD, computer, carica batterie, ecc.) in stand-by: continuano a consumare elettricità e sono la prima causa di incendi domestici.

In linea di principio, segui il tuo buonsenso: non trovi nell’elenco «spegni la luce quando esci da una stanza» perché siamo sicuri che già lo fai, vero?

Scegli le rinnovabili: installa un impianto fotovoltaico con accumulo

La prima obiezione che generalmente si fa quando si propone un approvvigionamento di energia tramite le fonti rinnovabili è che sono troppo soggette a fluttuazioni. È vero, il fotovoltaico, regina delle rinnovabili, è soggetto all’irraggiamento del sole, ma questo problema è risolto egregiamente dai sistemi di accumulo: la batteria di accumulo immagazzina l’energia prodotta dai pannelli solari e la distribuisce durante i periodi di minor irraggiamento, riuscendo a ottimizzare la produzione. Addirittura, con una sonnenBatterie integrata ad un impianto solare ben dimensionato, è possibile raggiungere fino al 75% di autonomia energetica.

SCOPRI COME ABBATTERE I COSTI DELLA TUA BOLLETTA CON SONNEN

TI PORTEREMO VERSO L’AUTONOMIA ENERGETICA

Compila il modulo per maggiori informazioni

Accetto la vostra Privacy Policy*

COMMENTI
0
Lascia un commento

POST CORRELATI