MCP Conseil
Il blog per raggiungere l'indipendenza energetica

Energy sharing: il miglior modo per risparmiare sui costi energetici

Energy sharing come funziona

La diffusione di tecnologie innovative come i pannelli solari e i sistemi di accumulo sta radicalmente rivoluzionando la relazione tra le compagnie di gestione dell’energia e i consumatori, dando a questi ultimi sempre maggior controllo.

Infatti gli utenti ora non sono solo consumatori, ma diventano veri e propri produttori di energia rinnovabile.

Un impianto da solo però non basta per soddisfare il proprio fabbisogno totale; ma un sistema di condivisione dell’energia autoprodotta flessibile, resiliente ed economicamente efficiente può permettere ai suoi partecipanti di bypassare i gestori elettrici tradizionali ed arrivare così all’indipendenza energetica.

L’idea è stata dunque quella di istituire delle comunità basate sull’energy sharing dove tutti i membri sono protagonisti.

Tramite l’appoggio ad una rete peer-to-peer autonoma infatti, ogni membro della comunità è in grado di aiutare a soddisfare la domanda energetica in modo sicuro ed efficiente identificando le reali necessità.

Esempi di Energy sharing

Molte delle compagnie leader nel mercato delle rinnovabili si sono già messe in moto per sviluppare delle reti smart in grado di gestire la condivisione a lunghe distanze di energia autoprodotta.

Ad esempio, l’azienda specializzata in sistemi di accumulo e servizi energetici intelligenti sonnen, ha già permesso a più di 8.000 utenti tedeschi di prendere in mano il loro futuro energetico rendendoli al 100% indipendenti dalla rete elettrica nazionale.

La sonnenCommunity, la prima community mondiale di interscambio di energia, unisce in una grande comunità tutti coloro che producono la propria elettricità.

L’energia solare accumulata in surplus nella sonnenBatterie, invece di rimanere inutilizzata, viene immessa in una rete virtuale e da lì può essere recuperata ed utilizzata dai membri che ne hanno bisogno.
La stabilità della rete è garantita dal software centrale che, in contatto con tutti i sistemi di monitoraggio della sonnenBatterie, è in grado di misurare quanta energia viene prodotta e quanta è necessaria riuscendo a bilanciare costantemente il flusso della domanda e dell’offerta.

energy sharing
Sonnen sbarca anche oltreoceano con il promettente progetto Brooklyn Microgrid che mette in comunicazione i produttori di energia rinnovabile della zona.

Grazie ad una piattaforma virtuale di trading, i residenti e le imprese potranno vendere l’energia solare in eccesso a tutti membri del gruppo (maggiori info).

Energy sharing in Italia

L’Italia purtroppo ha ancora molta strada da fare quando si parla di condivisione dell’energia.

Sebbene si stia già compiendo qualche esperimento in ambito, il concetto di energy sharing è particolarmente difficile da introdurre nel nostro paese, anche a causa dei limiti legislativi.

Ma sonnen non rinuncia al suo sogno di emancipare il mondo dalla dipendenza dalle fonti fossili e anche da noi ha introdotto una comunità esclusiva in grado di far risparmiare sui costi energetici.

Entrando a far parte della sonnenCommunity a soli 9,90€ al mese è possibile accedere a diversi servizi convenienti come l’aggiornamento Software e il monitoraggio da remoto proattivo.

Inoltre, aderendo alla speciale offerta “Bolletta residua zero” sonnen non solo offre la possibilità di utilizzare solo energia al 100% rinnovabile, ma azzera i costi residui della bolletta per due anni tramite l’erogazione di un bonus che copre l’intera fornitura energetica.

Vuoi risparmiare sui tuoi costi energetici? Contattaci ora per scoprire tutti i vantaggi della sonnenCommunity!

Compila il modulo per maggiori informazioni

Accetto la vostra Privacy Policy*

COMMENTI
0
Lascia un commento

POST CORRELATI